Bastardo (Bastardo) (2014)

Bastardo

Tunisia, Francia, Qatar – 2013

Regia/Direction: Belkadhi Nejib
Sceneggiatura/Screenplay: Belkadhi Nejib
Fotografia/Camera: Gergely Poharnok
Montaggio/Editing: Badi Chouka, Pascale Chavance
Suono/Sound: Yacine Meliani
Musica/Music: Lone Wolf
Formato/Format: video, col.
Durata/Time: 106’
Versione Originale/Original Version: Arabo
Produzione/Production: Imed Marzoukm, Propaganda Productions

Distribuzione/Sales:
Imed Marzoukm, Propaganda Productions
Tel. +216 71 744 815+216 71 744 815
propaganda@gnet.tn

Prima europea / European première

Mohsen, detto Bastardo perché trovato da piccolo in un cassonetto, vive in un quartiere degradato. Uomo senza origini e senza storia ha subito da sempre l’esclusione e il rifiuto da parte dei suoi vicini. Quando fa installare sul tetto di casa un antenna GSM, la sua vita cambia.  L’antenna permette agli abitanti del quartiere di utilizzare finalmente il cellulare e li rende  a pieno titolo partecipi della vita moderna. Quest’operazione lo rende ricco e quindi invidiato da tutti, in particolare dal cattivo Larnouba, suo amico d’infanzia, ras del quartiere che non vede di buon occhio l’improvvisa popolarità di Mohsen. Tra i due si scatena una lotta senza scrupoli. Bent Essengra, ragazza misteriosa la cui pelle attira gli insetti, innamorata in segreto di  Mohsen, giocherà un ruolo fondamentale nel confronto tra i  due uomini. Metafora dell’effetto positivo ma anche pericoloso dell’avvento della modernizzazione, il film ci mostra una Tunisia insolita, estrema, grottesca.

Eventi correlati

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito fa uso di cookies. Continuando la navigazione ne autorizzi l'utilizzo.
Leggi l'informativa